L'assessore alla salute, integrazione socio-sanitaria, politiche sociali e famiglia, Maria Sandra Telesca smentisce tagli agli incentivi economici

Trieste, 14 nov - "L'Amministrazione regionale del Friuli Venezia Giulia non ha alcuna intenzione di congelare nel 2014 l'incentivazione aggiuntiva economica agli infermieri e a tutto il personale sanitario in genere". Lo ha assicurato l'assessore regionale alla Salute Maria Sandra Telesca interverendo questa mattina al convegno "Le nuove competenze dell'infermiere, una chiave per il cambiamento del sistema salute" in Friuli Venezia Giulia così come a livello nazionale, che si è svolto a Grado per iniziativa dei Collegi IPASVI delle quattro province, che rappresentano oltre 10.000 infermieri, operatori sanitari e vigilatrici d'infanzia. "Mi è dispiaciuto - ha precisato Telesca a margine del convegno - che si sia arrivati a minacciare una mobilitazione sulla base di semplici 'voci di corridoio' che non hanno alcun fondamento".
"Nonostante, come è noto, il prossimo anno le risorse per salute e sociale siano in contrazione, nella revisione del sistema sanitario del 2014 sul quale stiamo lavorando, sicuramente - ha dichiarato - non partiremo dal taglio di quelle risorse economiche incentivanti che consentono l'integrazione dei pagamenti dei turni notturni e festivi del personale sanitario, turni che sono fondamentali per la tenuta del sistema". "L'integrazione a quella indennità non verrà toccata", ha precisato l'assessore, dichiarando la disponibilità al confronto con le rappresentanze sindacali "per studiare assieme a loro le modalità più idonee a destinare parte delle risorse disponibili al raggiungimento di obiettivi che, nella riforma, andranno nella direzione del cambiamento che abbiamo in mente". Riferendosi al ruolo degli infermieri in FVG, Telesca ha inoltre detto che "le competenze degli infermieri sono centrali anche in un sistema salute che si appresta a rimodellare assetti organizzativi e focus assistenziali. L'infermiere professionale in questi anni ha avuto un'evoluzione dal punto di vista del suo ruolo professionale che non si è ancora completata. Credo che per le importantissime funzioni assistenziali che svolge, che puntano ad una sempre maggiore integrazione con gli altri professionisti della salute, possa essere uno degli elementi chiave nella revisione del nostro sistema sanitario regionale". Per questa ragione "le competenze potranno essere sviluppate anche attraverso una revisione delle procedure concorsuali e nei contratti di lavoro". Al convegno è intervenuta anche la presidente nazionale IPASVI Annalisa Silvestro, che ha evidenziato gli ostacoli che si frappongono all'evoluzione della proposta normativa sulle nuove competenze infermieristiche, elaborata nell'ambito di un Tavolo tecnico attivato dal Ministero della Salute su richiesta delle Regioni, con il contributo della Federazione Nazionale dei Collegi degli Infermieri. Al confronto, moderato dal coordinatore IPASVI FVG Flavio Paoletti, hanno partecipato anche Franco Rotelli, Giancarlo Miglio e Luca Peressoni. ARC/PPD

http://www.regione.fvg.it

Canali Tematici

Colpa grave

fials-assicura

TUA Assicurazioni

              Convenzione

                 TUALogo2 

      Agenzia via Slataper, 26 TS

permessi-aspettative

Permessi e Aspettative

fials testo unico integrato

Normative Contrattuali

Facebook